COVAPAC e Coldiretti Casaleone-Sustinenza organizzano
HOME CHI SIAMO RADICCHIO IN FESTA
(27-29 gen)
FIERA DEL RADICCHIO
(3-5 feb)
STORIA DOVE SIAMO RICETTE SPONSOR LINK CONTATTI

Con il patrocinio di:


Regione Veneto

 


Comune di Casaleone
Assessorato alle Attività Economiche e Agricoltura

 


C.C.I.A.A. di Verona
 

 


 

STORIA

A Verona la coltivazione del radicchio iniziò ai primi del 1900 nelle zone di Avesa, di Quinzano e nella Valpolicella. La semina avveniva lungo gli interfilari delle viti o delle piante da frutto o seguiva il frumento; il prodotto era chiamato "cicoria rossa".


Una foto dal passato di Casaleone

La coltivazione si specializzò maggiormente con l'introduzione della tecnica dell' "imbianchimento", importata in Italia alla fine del XVIII secolo dal belga Francesco Van Den Borre. I radicchi si collocavano a mazzi in buche scavate direttamente nei letamai, la pulitura veniva fatta nel "caldo" interno delle stalle e il prodotto, pulito dalle foglie esterne, veniva offerto al mercato con il nome di "zermoii" (un germoglio che sbocciava sulla tavola dei veronesi durante l'inverno).

Dopo l'ultimo conflitto mondiale, iniziava la coltivazione estensiva del Radicchio semilungo per i mercati nazionali e per l'esportazione. Si adottarono nuovi incroci fra l'originario radicchio e una selezione di "Rosso di Treviso" per avere piante più contenute in altezza, di forma meno affusolata rispetto all'originale radicchio trevigiano, con grumolo pieno e molto affusolato.


L'oro rosso di Casaleone nel suo habitat naturale!

La coltivazione del radicchio si estese soprattutto nella pianura veronese nelle zone del colognese, di Legnago, di Casaleone, fino a Isola della Scala.

 


Sfoglia il Depliant

Fiera Radicchio Casaleone 2017


 

 

Copyright © 2006 - 2017 FieraRadicchioCasaleone.it